Quaresimali

Quaresimali, dolci tipici della tradizione lucana e pugliese

Conoscete i quaresimali? Sono biscotti tipici del periodo a ridosso delle festività pasquali preparati in diverse zone d’Italia.

La ricetta si differenzia territorio per territorio, così come la forma e il sapore di questi deliziosi dolci.

In questo articolo, Cecilia e Luciana di  MangiAMO la Lucania ci presentano i quaresimali lavellesi, con una panoramica sulla storia di questa ricetta in Basilicata e Puglia, gli ingredienti necessari e le modalità di preparazione.

Buon appetito!

Articolo di MangiAMO la Lucania

Quaresimali

La ricetta dei quaresimali è tipica di Lavello, ma viene preparata in diverse zone della Basilicata. A seconda dell’area, vengono utilizzati aromi differenti: dai chiodi di garofano alla cannella passando per la buccia grattugiata degli agrumi.

Non confondiamoli con i cantucci! La differenza è che i quaresimali non hanno doppia cottura e prevedono anche l’uso del tuorlo d’uovo.

Un po’ di storia

L’origine dei quaresimali è antica: la ricetta, infatti, si fa risalire ai monasteri lucani e pugliesi del 1800, dove le monache idearono questo biscotto molto semplice e rustico, adatto per il periodo di privazione della Quaresima. Per tale motivo, i quaresimali non contengono nessun grasso né latte.

Quaresimali: ingredienti e preparazione

Ecco gli ingredienti necessari e il procedimento per preparare i quaresimali.

Ingredienti

160g di farina 00
120g di mandorle
120g di zucchero
2 uova
1 pizzico di bicarbonato
2 chiodi di garofano

Preparazione

Tostare le mandorle in forno, farle raffreddare e tritarle grossolanamente.

Su una spianatoia disporre la farina a fontana, al centro rompere 2 uova intere e sbatterle insieme allo zucchero, il bicarbonato e i chiodi di garofano polverizzati. Infine aggiungere le mandorle e impastare velocemente.

Formare un panetto alto 2-3 cm, cospargerlo con 1 cucchiaio di zucchero semolato ed infornarlo a 200° per 15 minuti.

Appena sfornati vanno tagliati ancora caldi in quadrotti o fette lunghe.

Si consumano freddi nel latte oppure con il vinsanto.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su print
Print
Articoli correlati

Lascia un commento