Piccilato Lucano

Piccillato Lucano, il pane dolce di Pasqua

Dopo aver parlato dei Quaresimali, Cecilia e Luciana di MangiAMO la Lucania ci presentano un’altra ricetta lucana tipica di un determinato periodo dell’anno.

Articolo di MangiAMO la Lucania

Il Piccillato Lucano

Ci avviciniamo al periodo di Pasqua e sulle tavole lucane sta per fare la sua comparsa il Piccillato, una focaccia dolce molto diffusa in Basilicata, soprattutto a Castelluccio Inferiore e nelle zone limitrofe.

Il Piccillato Lucano è una ricetta tipica di Pasqua e Pasquetta. Viene preparato come classico alimento da portare nelle gite fuori porta: esso, infatti, si consuma da solo o accompagnato ai salumi.

Un po’ di storia

In passato, il Piccillato si preparava come dono pasquale, soprattutto per i bambini, dandogli una forma di agnello o coniglietto per i maschietti e la forma di una bambolina (la pupa) per le femminucce.

Il piccillato dei bambini ancora oggi si cosparge di zucchero semolato o di zuccherini colorati.

Anche le nostre nonne e le ragazze prima di loro preparavano il piccillato a forma di cestino per il proprio innamorato (u’ zit), come segno di fertilità e propensione al matrimonio.

Piccillato: ingredienti e preparazione

Ecco gli ingredienti necessari e il procedimento per preparare il Piccillato lucano.

Ingredienti

500g di farina 00
100g di zucchero
3 uova
25g di lievito di birra
3 cucchiai d’acqua
30 grammi di strutto o burro
Buccia di mezza arancia e mezzo limone

Preparazione

Come prima azione, in un bicchiere sciogliere il lievito con i 3 cucchiai di acqua tiepida e 1 cucchiaio di farina; mescolare e lasciare in posa per un quarto d’ora.

Nel frattempo disporre la farina a fontana su una spianatoia, al cui centro rompere le uova, aggiungendo lo zucchero e lo strutto per poi sbattere con una forchetta.

Aggiungere la buccia grattugiata di arancia e limone e infine il lievito, che nel tempo di posa sarà diventato spumoso.

Lavorare energicamente e far lievitare per 2 ore.

Trascorse le 2 ore, imburrare uno stampo tondo e inserire l’impasto senza schiacciarlo, deve raggiungere metà della teglia.

È possibile adagiare 3 uova sulla superficie come decorazione o cospargerla di zuccherini colorati.

Far cuocere a 200° per 15/20 minuti e continuare la cottura a 160° per altri 20 minuti; farlo raffreddare in forno per completarne l’asciugatura.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su print
Print
Articoli correlati

Lascia un commento